Mercoledì 23 agosto alle ore 22.05, il ciclo Royal Family vi invita alla scoperta delle attività di volontariato e beneficenza portate avanti dai quattro principi della Casa Reale inglese: Filippo, Carlo e i giovani William e Harry.

 

Era il 1956 quando il principe Filippo diede vita al Duke of Edinburgh Award che ora esiste in ben 140 paesi. Il duca si è, inoltre, battuto per la salvaguardia del pianeta ben prima che lo facessero le associazioni ambientaliste.

Non è stato da meno il figlio Carlo, principe di Galles, che sostiene i giovani con il Prince’s Trust e i ragazzi musulmani con Mosaic.

 

Per ognuna di queste associazioni, il programma incontrerà i protagonisti e i destinatari dell’aiuto finanziato dalla Casa Reale, fino ad arrivare all’operato dei figli dell’amatissima Principessa Diana, ricordata con affetto per il suo grande impegno a favore dei più bisognosi.

 

Facendo tesoro del lascito di lady D, William e Harry si prodigano ogni giorno per la difesa e il sostegno dei più deboli. Harry, ad esempio, ha dato vita a Sentabale, un’associazione che combatte contro l’HIV in Africa, dove un bambino su tre ancora muore di questa insidiosa malattia. Traendo ispirazione dalla sua esperienza militare ha, poi, voluto sostenere i reduci di guerra con Invictus Games, che offre la possibilità ai soldati mutilati di riabilitarsi tramite lo sport.

 

 

 

 

 

William si dedica, invece, ai senzatetto con Centrepoint e alla difesa della fauna africana, collaborando con Tusk Trust e WildAid.

Infine, i due fratelli, insieme a Kate Middleton hanno creato The Royal Foundation allo scopo di dare un nuovo approccio, più definito e studiato, alle loro attività di beneficenza. Tra queste, all'interno del documentario, verrà messa sotto i riflettori Heads Together, un progetto dedicato al benessere mentale.

 

 

 

 

 

Anche in questo caso, a raccontare le iniziative saranno coloro che ne fanno parte. Gli spettatori scopriranno la vita lontana dalla rappresentanza di corte degli uomini più in vista del Regno Unito con i loro progetti e le difficoltà di ogni giorno.

Un appuntamento da non perdere!