Immerso nel cuore delle campagne leccesi, tra olivi secolari e fichi d'India sorge il Relais Masseria Capasa, un'oasi di lusso gestita a Soleto (Lecce) da Gilda Marti, una donna di 45 anni perfezionista e appassionata. Inaugurata nel 2013, la struttura nasce da un antico podere in pietra leccese risalente al 1746, restaurata e trasformata in un complesso unico nel suo genere. Il Relais Masseria Capasa è oggi un luogo ameno che abbina il fascino della vita rurale dimenticata al lusso più moderno, senza mai perdere di vista i sapori forti della grande storia culinaria del Salento. Un mix esplosivo capace di far colpo anche su Alessandro Borghese, che approda in terra salentina nel corso della terza puntata di 4 Ristoranti. La sua missione? Trovare la miglior masseria del territorio.

 

Una cucina familiare – Pochi tavoli, per assicurarsi che ciascun cliente goda delle attenzioni meritate, e piatti poveri, ma ricchi di sapori, come nella migliore tradizione salentina. Al Relais Masseria Capasa il menù è un vero e proprio trionfo di prelibatezze locali: i clienti possono gustare pezzetti di cavallo al sugo, preparati con aglio, sedano e cipolla; oppure riscoprire il sapore dei “morzi fritti”, i pezzi di pane raffermo fritti nell'olio e poi conditi con legumi, verdure e peperoncino a volontà. Oltre alle immancabili orecchiette alle cime di rapa, i cultori della gastronomia pugliese non possono fare a meno di concedersi un piatto di tradizionali lumache di campagna, cucinate ed insaporite secondo le antiche ricette del territorio. Vera e propria prelibatezza anche gli antipasti della casa: abbondanti, caserecci e realizzati con prodotti rigorosamente a km zero.

 

Design di lusso e atmosfera rustica – A far guadagnare punti preziosi durante 4 Ristoranti a Gilda Marti è poi l'architettura della sua struttura: l'antica azienda rurale, risalente al 1746, è stata restaurata da mani e esperte, che sono riuscite a restituire valore ad ogni singolo ciottolo, ad ogni pietra della maestosa tenuta. Il Relais Masseria Capasa è oggi un singolare mix di lusso e ruralità, anzi di rural-chic, caratterizzato da un arredamento urbano e rustico allo stesso tempo, in cui il lindore della pietra leccese si fonde con il design ricercato fatto di accessori raffinati ed eccentrici. A disposizione dei clienti anche sei camere, in cui letti a baldacchino, docce in cristallo e specchi in pietra contribuiscono a fare del relais un vero e proprio paradiso bucolico.