A due passi dal lago, nel centro di Desenzano del Garda, c’è un ristorante che fonde l’essenza della modernità con la forza della tradizione. Ambasciatore della stagionalità in cucina e della cura per il cliente, il Molin 22 è un po’ come una casa, dove trovare rifugio dall’alba a notte inoltrata. Questo locale, infatti, non è solo un ristorante ma anche un wine-bar e una pasticceria. Al suo interno il proprietario Donato Croce ha puntato sulle migliori materie prime del territorio e su piatti dal gusto contemporaneo ed intrigante. Tutti ingredienti destinati a fare colpo su Alessandro Borghese che per la seconda puntata di 4 Ristoranti, in onda il 6 dicembre alle 21.15 su Sky Uno, esplora le rive del Garda alla ricerca del ristorante con la miglior cucina di pesce di lago.

 

Tradizione con appeal internazionale - La filosofia del Molin 22, che si trova nell’omonima strada un po’ appartata ma nel pieno centro cittadino, si fonda sulla cura dei dettagli. Un'attenzione che i clienti possono ritrovare in modo particolare nei piatti di pesce che vengono preparati con cotture moderne e innovative come l’utilizzo del sottovuoto, delle basse temperature e del mi-cuit (semi cotto letteralmente). Tutte tecniche funzionali ad assecondare la stagionalità dei prodotti in modo da esaltarne i sapori e valorizzarne la genuinità. Inoltre Molin 22, pur non essendo un ristorante vegetariano o vegano, ha voluto approfondire anche queste realtà per riuscire a soddisfare anche i palati più alternativi.

 

Una pizza, una città – Accanto a piatti sofisticati dall’impiattamento impeccabile, però, non poteva mancare un grande classico come la pizza. Con un impasto a lunga lievitazione a temperature controllate, Molin 22 offre un prodotto sviluppato anche grazie alla collaborazione con Federico Visinoni, campione del mondo 2015 di pizza in teglia. Ricette tradizionali e innovative che, nel ristorante di Donato Croce, trovano posto nel menù con i nomi delle più famose città rivierasche come Salò, Manerba e Lazise. Tutte pizze preparate con ingredienti di qualità abbinati in maniera originale come, ad esempio, la Campedello che vanta mozzarella fior di latte, taleggio d.o.p, radicchio rosso trevisano caramellato all’aceto balsamico e culatello.

 

Con lo sguardo rivolto al Lago – Come in tutte le puntate di 4 Ristoranti, i concorrenti dovranno dare un voto anche per la location e in questa determinata categoria Molin 22 non teme rivali. Costruito con ampie vetrate che donano al locale una particolare luminosità e una splendida vista sul lago, è un ambiente volutamente moderno e minimale, senza fronzoli, un po’ come il suo proprietario.