Per sapere cos’è la “bistronomia” basta poco, in fondo è il felice connubio tra buona cucina e prezzi abbordabili. Per scoprirne i segreti, invece, è necessario vedere la prima puntata dell’anno di 4 Ristoranti, in onda il 29 novembre alle 21.15 su Sky Uno: Alessandro Borghese fa tappa al Mentana 104 di Parma, un locale che si definisce orgogliosamente un “italian bistrot”, ma la cui cucina raffinata non ha nulla da invidiare a quella dei ristoranti più ricercati.

Bistronomia di alta qualità -
Mangiare bene con poco e senza aspettare troppo: questa è la filosofia alla base della bistronomia, cresciuta negli ultimi anni grazie all’attività di cuochi come Rafa Peña e Inaki Aizpitarte, che a Barcellona e Parigi ne hanno fatto il proprio marchio di fabbrica. A Parma c’è invece Luca Farinotti che nel suo Mentana 104 (il nome coincide con quello della via e del numero civico) è alla continua ricerca dell’eccellenza delle materie prime e delle creazioni culinarie. Il suo locale è un “salotto culturale”, dove gustare buon cibo e buon vino in un’atmosfera più informale di quella dei ristoranti. Le luci soffuse e i tavoli di legno fanno ambiente, al resto ci pensano un menù raffinato e la vasta scelta di vini, birre e cocktail. Al Mentana 104 si cucina “espresso”, evitando prodotti congelati e variando quindi l’offerta in base alla stagione: le ispirazioni arrivano da tutto il mondo, dai bocaditos spagnoli, alle varianti della tartare francese. Caratteristica della bistronomia è trasformare i piatti da pub in creazioni gourmet, come il Krabby Patty, hamburger di Black Angus a lama di coltello avvolto da un panino-brioche di produzione propria e insaporito dal gusto del formaggio d’alpeggio.

Il regno del vino e dei cocktail -
In un bistrot che si rispetti non manca mai un’ampia varietà di vini e birre, che vengano dalle cantine emiliane o dall’estero. Al Mentana  104, inoltre, si vuole anche garantire la massima performance gusto/olfattiva nella degustazione dei vini e per questo motivo non vengono utilizzati né aglio né cipolla nei piatti, salvo in poche ricette che li richiedono espressamente. Il locale è famoso a Parma anche per i suoi cocktail: oltre a 7 diversi tipi di gin tonic e ai classici della tradizione, il barman Daniele Marc Evans Falci delizia i clienti con un “Goodnight cocktail” diverso ogni sera. Un altro vantaggio di mangiare in un bistrot è che non bisogna muoversi per continuare la serata.