di Paolo Crespi

 

Superospite musicale degli “Unomattina di Sky” oggi è Fiorella, ma che dico “I Fiorella”: in apertura di trasmissione, dal “boulin rouge” dell’Edicola si esibiscono infatti, cor’ a core, (Rosario) Fiorello & Fiorella (Mannoia), neonata cover band de I Vianella nell’intramontabile “Semo gente de borgata”. Jovanotti, per tutta risposta, canta la sigla ufficiale nel piccolo schermo dell’iPad, dimenticato sul bancone del bar all’ora di punta delle prime colazioni…

In studio, intanto, a una prima occhiata del conduttore e del fido Mel Fard, dalle prime dei quotidiani grondano soprattutto insulti da bestiario medioevale (“scrofa ferita”) tra i politici di casa nostra obnubilati dalla campagna referendaria. “Amici politici… la gente vi guarda!”, ammonisce Fiorello, che voltando pagina si imbatte nella “caccia ai frontalieri della spazzatura”: dalla vicina Svizzera (inchiodati dalle telecamere di sorveglianza) scaricano alla periferia di Como i rifiuti indesiderati nel lindo territorio della Confederazione. “Ma come, con tutti i capitali in nero che vi portiamo, voi ci ricambiate così? Amici svizzeri…”. Meno male che c’è il filone Trump, con le sue prime, importanti decisioni di politica interna (“via le pale eoliche dal mio campo da golf”) e familiare, con il caso Ivanka, la “first daughter” prediletta del presidente-miliardario accusata dai media americana di farsi pubblicità alle spalle dell’incauto genitore. Ma è un attimo: “Sotto l’Ivanka la capra Trampa…”.

 

Ad alleggerire il tutto c’è il collegamento iPad con Silvio Orlando, splendido cardinal Voiello super tifoso del Napoli nella vita e nella serie appena conclusa di “The Young Pope”. Parcheggiato nella hall di un albergo di Thiene, in provincia di Vicenza (dov’è in scena con “Lacci” di Domenico Starnone), l’attore compare in tv per la prima volta da settimane senza il vistoso neo (posticcio) del suo personaggio alla corte di Pio XIII. E rivela: “Quando Diane Keaton mi ha visto senza trucco… è svenuta”.

Ma gli emergenti bussano alle porte sempre aperte dell’Edicola ed è ecco la coppia Benjo e Fede in una versione un po’ sgangherata della celentanesca “Your Kiss is Like a Rock”: in mezzo a loro, al tamburello, una new entry femminile subito sgamata da Fiorello. E’ l’ex campionessa di tennis Flavia Pennetta, che abbandonati i campi di terra rossa non disdegna una partitella a ping-pong con il più grande showman italiano. E per una pallina persa sotto le ruote di un’auto in via Flaminia c’è la Panda ritrovata di Alberto Tomba, che (intervistato in diretta da Meloccaro) sentitamente ringrazia a parole sue (indecifrabili) gli ex colleghi dell’Arma.

 

Dopo un intervento politico di Sabrina (Gabriella) Ferilli, apertamente schierata per il No al referendum (“quando rientro a casa il Capitale di Marx salta dalla libreria e me viene ad abbraccià”) e un’esilarante dimostrazione del rivoluzionario “dash button”, il nuovo pulsante di Amazon per i rifornimenti a domicilio… della carta igienica, il programma del mattino si avvia alla conclusione con uno stacco al bar su Fiorella Mannoia che ammazza il tempo bevendo “Caffè nero bollente” (Sanremo 1981). Poi “La combattente” prende posizione in studio e dalla sua biografia spunta a sorpresa un passato di “stunt-woman”, molto richiesta, pare, per le finte cadute cavallo. Lei minimizza: “Cadevo bene… però me facevo male”). E dal suo vasto repertorio ripesca un superclassico: “Pescatore”, appunto. Il resto nello speciale delle 20.30, naturalmente su Sky Uno.