Sono entrati in 16, 8 uomini e 8 donne, nella cucina di Hell’s Kitchen a contendersi la vittoria della terza stagione. Ora i quattro finalisti Amalia, Carlotta, Guglielmo e Kristian sono alle battute finali della loro avventura e chef Cracco deve decidere chi ha le carte in regola per diventare Executive Chef di un prestigioso ristorante. Per questo motivo valuterà non soltanto le doti culinarie, ma anche quelle di leadership, fondamentale per guidare la brigata di un ristorante.


La finale si apre con una prova che vede i quattro alle prese con la preparazione di finger food per un aperitivo speciale. Il vincitore di questa prova avrà il privilegio di pranzare in un ristorante 3 stelle Michelin, esattamente “Da Vittorio” a Brusaporto (Bergamo), della famiglia Cerea.
Nel servizio del pranzo Cracco affiderà la guida della brigata a turno a ciascuno dei quattro finalisti per vedere come se la cavano sul "ponte di comando". Grazie a questa impegnativa prova, lo chef potrà capire chi non ha le caratteristiche per essere un leader e dovrà quindi abbandonare l'avventura di Hell's Kitchen a pochi passi dal traguardo.


I tre rimasti in gara partiranno poi alla volta dell'Engadina, dove saranno ospiti del luxury hotel Chesa Colani. Lì, godranno di una serata di relax prima di immergersi in un'ultima delicatissima prova: cucinare due piatti classici della cucina internazionale. Ad assaggiare e giudicare le loro creazioni ci saranno, insieme a Cracco, Yuri Carnevali (General Manager del Chesa Colani) e Carlo Montanari (uno dei proprietari della struttura).
I cuochi conosceranno l'esito della prova solo una volta tornati nella cucina di Hell's Kitchen e solo allora scopriremo chi sono i due finalisti. La posta è alta: il titolo di Executive Chef del ristorante “Il Giardino” del JW Marriott Venice Resort & Spa dell’Isola delle Rose, a Venezia, che uno dei due conquisterà con un combatutissimo servizio finale.


Dovranno presentere un proprio menù e guidare la propria brigata verso la vittoria. A giudicare i frutti del lavoro dei due finalisti saranno - oltre allo chef Cracco - Cristiano Cabutti (direttore Sales & Marketing del JW Marriott Resort & Spa di Venezia), insieme agli chef stellati Gennaro Esposito e Pino Cuttaia.