di Paolo Crespi

 

Edicola super affollata di ospiti all’apertura della terza settimana di messa in onda del programma di Fiorello & C. Collegati da New York, in vista delle presidenziali americane, il conduttore Mauro Casciari, reduce dai 42 km della maratona più celebre del mondo, la cantante Emma (Brown) Marrone, in fuga nella Grande Mela (e per questo molto criticata dal popolo dei social) e, in un angolo del Piccolo Cafe, noto locale italiano di Manhattan, gli inviati di Caterpillar Ardemagni e Solibello.

Ma la puntata si apre con un omaggio (“date a Cesare quel che è di Cesare”) all’edicolante originale del programma, quando era ancora in versione web, in visita a Edicola Fiore per ringraziare il titolare della promozione che fa ai giornali di carta, guarda caso in leggera ripresa di vendite. Merito, forse, delle buone prassi di riutilizzo illustrate dal programma di Sky Uno: come la lettera anonima (“Cofanella ti desidero”) composta con i titoli ritagliati del quotidiano.

 

La rassegna stampa vera e propria si apre con le ultime sulla tromba d’aria che ha colpito Ladispoli e sull’Arno a rischio esondazione in quel di Firenze. Il collegamento quasi d’obbligo è con il “responsabile disgrazie” di Radio Maria, assurta all’onore delle cronache per i suoi improvvidi anatemi. “Il diluvio? E’ tutta colpa di “The Young Pope”, rivela l’emittente intervistata da Fiorello. E Sorrentino annuisce dalla regia…
Le altre notizie del giorno sono la rottamazione delle cartelle di Equitalia, auspicata da Er Pompa e parodiata in musica da Silvia Aprile (tra i finalisti di “Sarà Sanremo”: “se lei non passa ti taglio le gomme”, è l’avviso bonario di Fiorello a Carlo Conti) e soci canterini, e il “niet” della città di Palermo a un palco per Gigi D’Alessio: tutta da riascoltare, nella replica serale, l’appassionata difesa in stile neomelodico del collega discriminato perché “troppo di destra”.

 

Commentate insieme all’amico attore Marco Giallini, che un po’ in ritardo sulla tabella di marcia (colpa della sveglia?) raggiunge in scooter lo studio di Fiorello e Meloccaro, ci sono anche altre notizie piuttosto curiose, come quella del pinguino innamorato (e geloso) che sorprendendo la compagna avvinghiata a un rivale si toglie lo smoking e passa alle vie di fatto. O quella, a sfondo pseudoscientifico, che “le donne basse vivono più a lungo”. In chiusura c’è ancora tempo per un flash dal bar di New York , poi il microfono passa a Francesco Vigorelli, in arte Jake La Furia, che sorprende tutti duettando con Francesca, la barwoman-cantante, sulle note di “Un corpo e un’anima”, successo anni ’70 della coppia Wess-Dory Ghezzi. E’ proprio lunedì, gli edicolanti son tornati, più scatenati che mai…