Quando si parla di eccellenza in cucina si parla d’Italia e di Massimo Bottura, il modenese doc riconosciuto dall’Accademia internazionale della cucina nel 2011 come miglior cuoco del mondo. Il grande Maestro è ospite di Carlo Cracco nella sesta serata di Hell’s Kitchen Italia 3, in onda martedì 8 novembre alle 21.15 su Sky Uno e nella penultima puntata del talent culinario in onda martedì 15 novembre.

Il suo ristorante, Osteria Francescana, si è classificato al primo posto della classifica The World’s 50th Best Restaurants, la prima volta per un ristorante italiano. L’ospite speciale di Carlo Cracco, ha iniziato nel 1986 aprendo la Trattoria del Campazzo, a Nonantola, in provincia di Modena. 

Dal 1986 al 1990 apprende i segreti della cucina francese lavorando con George Cogny. Nel 1994 studia con Alain Ducasse a Montecarlo.

Nel 1995 apre l'Osteria Francescana a Modena, mentre nel 2000 lavora con lo chef Ferran Adrià in Spagna presso il famoso ristorante El Bulli dove conosce e affina la sua pratica di cucina molecolare.

Osteria Francescana conquista la prima stella Michelin nel 2002 insieme al titolo di miglior chef emergente per il Gambero Rosso, e di miglior performance dell’anno per l’Espresso. Da quel momento è una crescita continua: ai vertici di tutte le guide (seconda stella Michelin nel 2006, terza nel 2012 ma anche lo straordinario 20/20 nell’ultima edizione dell’Espresso), premiato ovunque per i piatti singoli e la sua cucina in generale, protagonista del The World’s Best Restaurant, sino ad essere diventato lo chef italiano più famoso nel mondo. 

Bottura definisce cosi la sua filosoia culinaria: " La mia cucina è tradizionale, vista da dieci miglia di distanza." Inoltre ai giovani chef suggerisce sempre di credere nei loro sogni, perchè per Bottura "nulla è impossibile".

 

La puntata di Hell’s Kitchen Italia che ospiterà il grande Bottura avrà come tema principale l'identità. Tema che sarà sviscerato nelle due prove e nei due servizi, anzi troverà il proprio apice nel servizio serale. Qui i cuochi dovranno aggiungere un piatto al menù, un piatto da ideare e realizzare da zero. Per aiutarli in questa impresa, Cracco ha chiamato un amico e collega che sul concetto di identità ha costruito la sua vita professionale e personale: chef Massimo Bottura. Bottura ha scelto per i cuochi una serie di ingredienti tipicamente autunnali con cui creare il piatto. Lo chef modenese spingerà i cuochi ad alzare l'asticella creando un piatto che contenga la loro identità ma che sposi (come per il suo Refettorio Ambrosiano) la filosofia dello spreco zero e del riutilizzo del cibo. Durante il servizio Bottura consiglierà, stimolerà e incoraggerà i cuochi e, allo stesso tempo, si confronterà con Cracco fornendogli le sue impressioni sull'operato dei cuochi. Al termine di questo servizio scopriremo il secondo eliminato di puntata e quali saranno quindi i cinque cuochi che indosseranno la ambita giacca nera di Hell's Kitchen.