di Paolo Crespi

 

Più bar e meno studio nella puntata odierna dell’Edicola, iniziata con l’anteprima di Fiorello e Agonia (l’imperturbabile Vito Scrimieri) che tentano invano di azzeccare i nomi dei super ospiti del giorno. Sempre al bar, infatti, il più grande showman italiano e Stefano (fard) Meloccari provinano Pintus, barman tuttofare che imita su richiesta Bruno Pizzul, Ibra e lo chef Cannavacciuolo. 

 

La quotidiana rassegna stampa del buonumore parte da un titolo politico su Gianni & Pinocchio, alias Cuperlo-Renzi e via alla sigla… quella anni ’70 delle “Avventure di Pinocchio” di Comencini, canticchiata dai conduttori. La buona notizia – annuncia subito Fiorello – è che, anche grazie a noi, le vendite dei giornali di carta sono aumentate del 3,2 per cento!”. Il tema sportivo del giorno è invece la partita della pace: “pace, pace, pace… mica tanto” è il commento del padrone di casa al colorito scambio di cortesie sul campo tra i campioni argentini Maradona e Veron. E segue un esilarante promo spagnolesco, con maschera del giudice Alvaro Soler, per la nuova puntata di “X-Factor” in onda alle 21.15 su Sky Uno dopo l’Edicola Fiore della sera.

 

Poi l’affondo sull’infelice questionario per l’ammissione alle scuole britanniche che divide i nostri connazionali in italiani, napoletani e siciliani… “cari inglesi vi ringraziamo,  ma  i sardi, i napoletani, i pugliesi… i romani? Ci sono rimasti male… ma come vi permettete! Ma che fate a ‘the book is on the table’?  State ancora con la Regina? William Shakeaspeare era siciliano!”.  E la “Corona” ritorna per associazione nella news su McDonald’s che avrebbe nascosto parecchi milioni al fisco, forse anche questi “controsofittati” (vedi Edicola Fiore di martedì). E vai con la censura degli unomattina di Sky al “metabolismo fazioso” di un titolo come “Più merendine al Nord, bambini obesi al Sud”: “razzisti!”

 

Stacco in esterno per riprendere Benji e Fede mentre sbarcano da un van nero fra uno stuolo di ‘pischellette’ festanti (hanno marinato la scuola per vederli) e Fiorello che si unisce a loro per la cover di “Finalmente tu”, vecchio cavallo di battaglia di Max Pezzali. Il collegamento video che segue è con l’osservatore italiano Riccardo Rossi: davanti al PalaIsozaki di Torino difende le ragioni dei romani che non vogliono i giochi olimpici: “noi li abbiamo già fatti nel 1960, siamo stanchi, dobbiamo riprenderci, ma che veramente possiamo fare le Olimpadi ogni 64 anni?!”.

 

Edicola Fiore memories: prendendo spunto dalla cronaca (Monopoli: si appartano in auto senza freno a mano, la macchina finisce in mare), Fiorello rievoca un episodio analogo (ma senza bagno dei protagonisti)  della sua gioventù con fidanzatina, Vespa e tramonto a strapiombo sul mare: “la mia moto è ancora là…”. Sketch con Meloccaro  sulla nonnetta-imprenditrice che tiranneggia i suoi dipendenti,  poi la satira politica irrompe in studio con il videomontaggio di Matteo Renzi che argomenta sul referendum, in inglese, sulle note di “Can’t stop the feeling”, e con collegamento audio con Giorgia Meloni (Gabriella Germani) che si vendica in diretta del rifiuto della Boschi di incontrarla: “io voglio semplicemente un reale e civile confronto: prima inizio io, poi quando si rialza da terra parla lei…”.

 

Il finale è ancora con Benji e Fede che in zona bar si cimentano nel playback del loro nuovo “Amore Wifi” con tanto di trenino di tutta la squadra dell’Edicola che li avvolge pericolosamente… “siete i nuovi Ricchi & Poveri”, proclama Fiorello. Li rivedremo stasera. Sigla.