Dopo una finale a colpi di sfide ed emozioni da brivido, si aggiudica il primo posto nel cuore degli spettatori di Italia's Got Talent un emozionatissimo Moses!

 

Lacrime e pelle d’oca, il musicista che al secolo è Simone Concas ha lasciato tutto lo Studio 5 di Cinecitta’ di Roma a bocca spalancata con i suoi virtuosismi con l’armonica a bocca.

26 anni, nato a Iglesias e residente a Londra, fin dalla tenera età Moses è stato spinto dai genitori a coltivare le proprie passioni, cosa che gli è venuta a dir poco benissimo: dopo un enorme dolore causato dalla perdita di un amico, abbandona il lavoro e la sua vita per trasferirsi a Londra dove comincia a suonare per strada.

Con un rapporto strettissimo, quasi simbiotico, con la nonna Liduina (con la quale ama fare musica), ha deciso di partecipare a Italia’s Got Talent proprio grazie al supporto della nonna.

E la sua meritatissima vittoria va proprio a lei, alla nonna che lo ha spronato a diventare l’artista che è.

 

Molto emozionante il momento in cui Lodovica Comello ha pronunciato il suo nome come vincitore di questa entusiasmante edizione del talent show più italiano che ci sia: tutto il pathos e il cuore di Moses sono emersi in maniera irruenta, facendolo scoppiare in un pianto di commozione che ha contagiato tutti, dai giudici al pubblico.

 

Sul podio sono saliti anche Marco Cristoferi in arte Kira al terzo posto, il ballerino da chapeau che ha incantato tutti con i suoi virtuosismi danzerecci, e al secondo posto Ivan Dalia, il prodigioso nonché simpaticissimo pianista trentenne casertano che, nonostante soffra di cecità, riesce a suonare i tasti di avorio con una magia e una maestria che va oltre agli occhi e addirittura alle orecchie: arriva dritta al cuore.

La sfida finale tra i tre concorrenti è stata dura, rendendo difficile votare il migliore, ma alla fine Moses si è guadagnato la medaglia d’oro e un biglietto di sola andata per il più grande sogno della sua vita.

 

Complimenti, Moses!