In occasione dell’Earth Hour, l’evento internazionale ideato e gestito dal WWF che ha l'obiettivo di richiamare l'attenzione sui cambiamenti climatici, Sky Uno proietta sabato 19 marzo alle 19.10 il documento mozzafiato dedicato allo scienziato Claude Lorius.

A seguito del successo ottenuto con La marcia dei pinguini, Luc Jacquet torna a celebrare la natura con Ice and the Sky, narrando in prima persona le avventure della sua vita sui ghiacci polari, iniziati in giovinezza attraverso missioni che sfidavano la natura e le sue leggi.

Gli studi del protagonista hanno aperto un filone fondamentale della ricerca scientifica odierna: attraverso la ricerca sui ghiacci e delle sue componenti, Lorius ha potuto formulare le prime teorie riguardanti l’effetto serra e il surriscaldamento globale dovuto all’azione dell’uomo, tematica tutt’ora fondamentale all’interno della letteratura scientifica.

Oggi 84enne, il protagonista ha potuto assistere all’affermazione a tematica globale dei propri studi, attraverso riconoscimenti diretti e menzioni da parte dei più importanti politici del mondo. Dalle prime spedizioni nell’arco dei suoi vent’anni, Lorius ripercorre l’evoluzione delle proprie missioni nelle impervie zone polari e condivide ricordi ed esperienze.

Immagini di repertorio e riprese mozzafiato dell’Antartico accompagnano il racconto dello sviluppo dei suoi studi, primo e fondamentale tassello di un insieme di teorie che avrebbero cambiato per sempre le modalità in cui l’uomo concepisce il proprio impatto sulla natura.

La produzione di Ice and The Sky è stata affiancata da un team scientifico specializzato, finalizzata all’inserimento di ulteriori contributi nell’ambito dell’indagine ambientale e all’approvazione dei contenuti scientifici espressi nell’intera narrazione.

Attraverso questo esclusivo documentario, Lorius racconta “la storia della Terra, profondamente connessa col futuro dell’uomo e con l’impatto dell’umanità sul pianeta stesso; poiché tutti gli uomini sono molto più forti di qualunque forza naturale”.

A questo proposito l’Earth Hour interviene sui cambiamenti climatici in corso mediante un gesto semplice ma concreto: spegnendo la luce per un'ora il 19 Marzo dalle 20:30 alle 21:30. Il risparmio energetico che ha come effetto minori emissioni di anidride carbonica, il principale dei "gas serra", è del tutto simbolico ma ha lo scopo di sollevare l'attenzione sul tema dei cambiamenti climatici.