Davide, Enrica, Gio Sada, Luca, Moseek e Urban Strangers tornano sul palco di X Factor per il sesto cruciale live in onda giovedì 26 novembre alle 21.10 su Sky Uno HD, e preceduta dall’Ante Factor in onda dalle 21 (e in streaming su xfactor.sky.it/antefactor). Dopo la doppia eliminazione shock, la sesta è una puntata all'insegna della musica italiana con due manche. All’inizio di questa puntata, il pubblico grazie ad Enel Enegria Xtreme potrà "far vivere"  da casa  il palco e alcuni elementi scenici, per una partecipazione ancora più attiva.

 

Nella prima  manche ciascun concorrente dovrà confrontarsi con un brano del repertorio italiano assegnato dai giudici, con l'accompagnamento di una band live. La seconda sarà, invece, libera. Per il grande tributo alla cultura musicale del nostro paese, ELIO ha scelto per Giosada Amore che vieni, amore che vai di De Andrè, assegnando a Davide L’Italiano di Toto Cotugno che lui ha scelto di interpretare in chiave reggae. FEDEZ, l’unico insieme ad Elio con ancora due concorrenti,  ha attribuito Tutti i miei sbagli dei Subsonica ai Moseek e La libertà di Gaber agli Urban Strangers. Un concorrente a testa per i due restanti giudici,  MIKA ha scelto per Luca Ti scatterò una foto di Tiziano Ferro, e SKIN Adesso e qui di Malika per Enrica. Nella seconda manche, ogni categoria ha potuto sbizzarrirsi per convincere pubblico e giudici a restare in gara: perché solo 5 concorrenti avranno la possibilità di far conoscere il proprio inedito nella semifinale del 3 dicembre.

 

A intervallare vecchi e nuovi cult della musica italiana, l’artista britannica  Jess Glynne  calcherà il palco di X Factor sulle note del celebre singolo Take Me Home e in una speciale esibizione insieme ai concorrenti. Dopo aver scalato le classifiche inglesi, il suo album I cry when I laugh è arrivato in Italia entrando direttamente nella top 10 della classifica di vendita come più alta new entry internazionale.

 

Nell’Ante Factor del 6° live, le storie dei sei concorrenti in gara si intrecciano a quelle di Alaa, Rahell, Aya, Oyetundè, Ayse, Baryali, sei ragazzi rifugiati in fuga dai propri paesi, da guerre,  dittature, violazione dei diritti umani,  limitazioni della libertà di ogni tipo, persino quella di fare musica. Raccontano ai ragazzi di X Factor la propria vita oggi, una vita che con molta fatica stanno cercando di ricostruire, tra sogni spezzati e speranza nel futuro. Hanno tra i 16 e i 31 anni – la stessa età dei ragazzi di X Factor e molti di loro condividono la passione per la musica: un linguaggio straordinario, che abbatte barriere e confini e che ci ricorda che l’integrazione e la tolleranza passano anche dal conoscere e accettare le culture “altre”. Magari anche attraverso poche note emesse da un bellissimo violino…

L’iniziativa di sensibilizzazione nasce nell’ambito della collaborazione tra X Factor e UNHCR – l’Alto Commissariato  delle Nazioni Unite per i Rifugiati, agenzia impegnata da oltre 60 anni nel proteggere e assistere  oltre 55 milioni di persone in 123 paesi del mondo. Oggi più che mai, di fronte alla crisi di rifugiati senza precedenti a cui il mondo sta assistendo, è importante sapere chi sono e da cosa stanno fuggendo, per garantire loro accoglienza, protezione e solidarietà.

 

Sesto appuntamento anche con Xtra Factor, il dopo show con Mara Maionchi e con il ritorno di Alessio Viola che questo giovedì accoglieranno tanti ospiti per commentare a caldo la gara appena terminata. Non mancheranno la band rock-agricola Iron Mais, Tess Masazza, e il suo “Insopportabilmente X Factor” e gli speciali contributi di “Le frasi di Osho”.