Sigillano in egual misura infatuazioni e amori senza fine, gioie e dolori. Cicatrici dell’anima, opere d’arte, sogni, viaggi, ricordi sbiaditi dagli anni, destinazioni, nuovi propositi. Scommesse, folgorazioni sulla via di Damasco, àncore, fantasmi del passato che ritornano, colpi di testa, attimi fuggenti impressi sulla pelle come segni di un tempo che non vorremmo dimenticare mai. Difficile spiegare “cos’è un tatuaggio”, ecco perché alla domanda corrisponde una lista infinita di risposte, sempre nuove. Sono più di quaranta milioni gli americani che hanno almeno un tatuaggio, e chissà se ciascuno di questi nasconde la stessa pia illusione che un fotografo imprime a una sua fotografia. Scrivere con la luce sulla carta, immortalando frammenti di vita vissuta equivale a voler fermare il tempo. Alla stessa stregua di un tattoo.


Scrittori e filosofi si sono espressi a riguardo, c’è chi ne parla come di emozioni tribali e chi li associa a un atto religioso. Sta di fatto che la moda impazza, a ogni latitudine, senza distinzioni di classe e di età. Che si tratti di una discreta farfallina sulla caviglia o un imponente drago sui bicipiti, poco importa. Ciò che conta non è la forma, ma il messaggio che questa vuol comunicare.  

 

Per conoscere più da vicino l’affascinante mondo dei tattoo, è in arrivo su Sky Uno la sesta edizione di Ink Master (Master vs Apprentice). A partire dal 18 ottobre, in prima tv assoluta, ogni domenica alle 21.10 un doppio episodio vi accompagnerà alla scoperta dei più quotati tattoo artist del momento. Esperti tatuatori si scontreranno con i loro allievi per aggiudicarsi un premio di centomila dollari. A giudicare le creazioni artistiche in gara il trio Chris Nu'ez, Oliver Peck e Dave Navarro. 

 

Last but not least, non perdere la lunga notte dei tatuaggi, tutte le notti su Sky Uno #nottideitatuaggi.