Tra sensualità e burlesque...Monica Micheli Panozzo, con la complicità della visual artist Alessandra Peri e le ricette di Alessandro Salamone, ci porta in un viaggio, altamente coinvolgente nel mondo della cucina afrodisiaca. Per non farci perdere passaggi Michela ci ha fatto un libro, Eroskitchen, che ci racconta come il cibo, e in particolare certi tipi di dessert, possano liberare da ogni inibizione. Per chi ama i dolci in tutte le sue declinazioni, oltreché in finalità seducente, l'appuntamento è con Master Pasticciere di Francia, in onda ogni giovedì alle 22.50 su Sky Uno e che propone ogni settimana dessert di tutti i tipi.

Monica partiamo da Cioccolatissimo Mercalli?
Partenza grintosa. Ha davvero avuto effetti sconvolgenti su chi lo ha testato.
Davvero il cioccolato libera l'istinto?
Aiuta ma diciamo che, fantasie a parte, ci sono spiegazioni razionali sul perché un ingrediente è afrodisiaco.
Sperimentazione personale?
Anche. Bisogna ascoltarsi. Ad esempio ho scoperto che non mangiando formaggio mi si sgonfia l'addome.
Altro esempio?
C'è stato un periodo in cui passeggiare in zone dove c'era della carne mi dava fastidio. L'ho eliminata, spontaneamente, per sei mesi e mi è venuta un'iper-vitalità.
Cosa significa Eroskitchen?
Racconta che ci sono alimenti che ti predispongono all'erotismo, amplificano energia vitale e calore. Ci rendono più simpatici e più pronti a cogliere l'occasione.
Possono anche essere alimenti...rischiosi.
Posso dirle che per secoli in quasi tutti i monasteri, e in quelli benedettini in particolare, cetriolo e santoreggia erano proibiti proprio perché stimolavano la sessualità.
Anche in questo millennio è così.
Registriamo un'evoluzione razionale. Da trent'anni conviviamo col consumismo e questo ci ha insegnato a stare con una persona finchè l'amore non si consuma.
Non è così?
No. L'amore cambia, non si consuma.
A cena si seduce?
Manuel Vazquez Montalban diceva che non si seduce con una pietanza: la seduzione è la parola. Ciò non toglie che io tenda a coltivare l'attenzione per il cibo.
Parliamo di dolci.
Quelli a base di frutta accendono sempre. Evitiamo quelli a base di latticini freschi, sono poco digeribili: il cheescake è gustosissimo ma non è un buon alleato per un dopo cena a luci rosse.
Che consiglia?
Ananas alla piastra con sciroppo di ribes o frutti di bosco. La frutta fresca scalda subito. Certo, serve il giusto momento di maturazione: la banana biologica cambia l'effetto in base alla fase di maturazione. Un dolce ai lamponi lascia profumo nell'aria tutto il giorno.
La cioccolata?
Sempre. E' più eccitante per le donne. Deve essere buona, chessò dell'Ecuador con un 90 per cento di cacao.
Ci dona una ricetta dolce per skyuno.it?
Volentieri, la mousse low carb(oidrati) al cioccolato: due uova, si divide il tuorlo dall'albume e quest'ultimo si monta a neve. Il rosso si aggiunge al cioccolato fuso, circa 70 grammi, e poi si incorpora l'albume e si mescola. Due ore in frigo e poi...seratona!
Suo marito, chissà che ansia ogni volta che lei va ai fornelli.
Abbiam fatto due figli in poco tempo. Funzionano le mie idee.