di Fabrizio Basso

E ora lo chef è rock'n'roll. Musica e rap in cucina per declinare, con allegria, duecento ricette che caratterizzano la cucina italiana. In Italia, of course, e nel mondo. La finestra sulla cucina, creativa ma giudiziosa affinchè tutti, nella cucina di casa, possano riprodurla, è Sky Uno: l'appuntamento con Alessandro Borghese Kitchen Sound è dal lunedì al venerdì alle ore 13.00 a partire dal 20 luglio. Ovviamente anche Sky On Demand diventa prestigioso ricettario. Ma attenzione, non è che il sabato, quando magari si ha più tempo, Alessandro Borghese ci abbandoni: arrivano in sequenza tutte le proposte della settimana, e così si ha un pranzo di cinque portate a...portata di Sky Uno.

Aspettando il 20 luglio, Borghese è già all'opera. Siamo andati a trovarlo nel suo temporary restaurant che si trova a Milano, in corso Sempione 91, all'interno dell'Enterprise Hotel: fino all'8 agosto sarà possibile trascorrere una serata speciale gustando alcune delle creazioni studiate per Alessandro Borghese Kitchen Sound preparate da Borghese e dalla sua splendida brigata.

Dalla cucina trapelano note musicali. Quasi che al posto dei canovacci ci possero i pentagrammi: "Ho fatto del binomio musica e cucina una componente forte della mia quotidianità. La mia enciclopedia di duecento ricette che vedrete su Sky Uno va a ritmo di musica, e alla fine di ognuna ci sarà un rapper sconosciuto che le racconta in versione hip hop. Alessandro Borghese Kitchen Sound è divertente, veloce, fruibile". C'è un accordo con RDS per le playlist musicali e con Yahoo per poterle recuperare su una piattaforma online.

 

Per chi crede che sia impossibile replicarle con i quattro, miseri fuochi che abbiamo casa, arriva la smentita di Borghese: "Sono ricette per tutti. Un cacio e pepe tradizionale viene arricchito con carciofi croccanti e menta. Un tocco di semplice originalità. E comunque il mio racconto sarà supportato da una grafica che illustra i tempi, i costi e il livello di difficoltà". Insomma su Sky Uno nulla è lasciato al caso. Anche quando si tratta di succulenta creatività.