Trovarsela di fronte toglie un po' il fiato. Un viso poco più che adolescente e un look poco meno che trasparente. Charli XCX è stata protagonista su Sky Uno di Ante Factor alle ore 21. E', la terza serata di XF8, una serata internazionale. Il prossimo passagio di Charli XCX nel nostro paese sarà il 21 febbraio 2015 per un concerto.

Charli cosa sa di X Factor?
Che ha sfornato grande artisti e che quella in corso è una edizione speciale.
Ha sempre un look così esageratamente sexy?
Venga a vedere il mio concerto a febbraio, quella si che sarà una serata per pussy power.
E' vero che è affetta da sinestesia?
True romance era color porpora il nuovo Sucker è rosso e rosa.
E' un album energico.
Ho attraversato un periodo della mia vita da frustrata, non reggevo più il mondo del pop né l’industria discografica.
Come ne è venuta fuori?

Semplice: ho inciso un album di canzoni punk ispirate ai Sex Pistols e ai Vibrators. Sfogandomi in questo modo ho riconquistato il pop.
E' vero che ha rifiutato una collaborazione con Christina Aguilera?
Se ne è parlato tanto. Quando mi è giunta la proposta non era il momento giusto.
Si è parlato anche dei suoi commenti su Madonna.
Solite esagerazioni, ho solo detto che i suoi ultimi due album sono così così. Non mi sembra delittuoso.
I love it è esplosa come colonna sonora del film E' colpa delle stelle.
Pensi che io la ho scritta circa un anno e mezo prima. Il film lo ho comunque visto e ho pianto tantissimo. E' triste triste.
Battezzare un album Sucker è coraggioso.
E' una provocazione. E' ironia verso chi diceva che non ce l'avrei mai fatta. E' un bel frullato di girl power e coraggio. E' una sfida.
Il suo prossimo obiettivo?
Vorrei che la gente tornanasse ad apprezzare il pop.
La sente così distante?
Non saprei ma ci tengo che smettano di considerarlo uno stile incapace di esprimere emozioni vere. E' un veicolo d'amore.
Se non fosse diventata una popstar?
Guardi che non lo sono. Anzi trovo ridicole quelle che si atteggiano a popstar. Io ho una vita molto tranquilla che si sviluppa soprattutto nella mia testa.
Ok: se non fosse diventata una cantante?
A scuola amavo la chimica. Forse sarei una scienziata