E’ Cesare Cremonini in qualità di special guest ad aprire il secondo Live di  X Factor 2014. L'ex dei Lunapop, fresco di debutto al Forum di Assago col Logico Tour 2014, porta sul palco il suo brano Logico #1 accompagnato dai concorrenti del talent. Ma a inaugurare la sfida è Madh con  No Church in The Wild di Jay Z e Kanye West e un’armata di aitanti ballerini che a Mika ricordano Il Trono di spade, e che nonostante la maestosa impalcatura scenica lasciano emergere la bravura del giovane di Carbonia non più affetto da “mengonite”, a quanto pare. Dopo Fedez è il turno di Mika che anche per questo secondo Live affida a Mario un brano in italiano. Ma la sua interpretazione di Ricomincio da qui di Malika Ayane non convince tanto quanto quella di Lucio Dalla della scorsa volta. Vichy e Morgan preferiscono il giovane sardo in versione “cantante del popolo”, sarà per questo che non strappa la consueta standing ovation? Certo è che nel corso della serata, nessuno dei concorrenti in gara è riuscito a conquistarne una.

Sono le performance di Ilaria, under donna di Victoria Cabello, e di The Wise per i gruppi di Morgan a scaldare gli animi dei giudici. Nel caso della sedicenne toscana a essere apprezzata è più la scenografia di Tommassini della prova: “Troppa salsa e poca carne” sentenzia Mika, mentre il trio di Riva del Garda, alle prese con l’intramontabile successo di Gloria Gaynor,  I Will Survive (nella versione cover dei californiani Cake) risulta essere “né carne, né pesce”. A chiudere la prima manche sono il diciassettenne Leiner (Eyeliner per Fedez: riempie gli occhi senza l’aiuto del make up), che con The First Cut Is The Deepest di Cat Stevens dimostra di essere “un Leiner antropologicamente diverso dalle altre volte”. E nonostante la giovane età si conferma una tra le scommesse discografiche più promettenti e mature. Stesso giudizio per Vivian, la migliore rapper donna che Morgan conosca, in grado di dare lezioni di solfeggio alla gran parte dei cantanti italiani. Con Doo-Wop (That Thing) di Lauryn Hill, Vivian si riscatta dalla deludente prova del primo Live e fa piangere Vichy.

Nell’attesa che si chiuda il televoto, i giudici hanno il tempo di scatenarsi sulle note di Grey Goose di Cesare Cremonini. Ma l’atmosfera di festa è ben presto smorzata dal verdetto che manda al ballottaggio i The Wise di Morgan. Il talento Enel Green Light è Riccardo Schiara che sbaraglia la concorrenza dell’over Sarah Fargion, conquista un posto sul palco di X Factor e fa vantare alla squadra di Fedez ben quattro concorrenti. Ad aprire la seconda manche sono gli Spritz for Five con il difficilissimo Bohemian Rhapsody dei Queen, scelto dalla follia di Morgan nella speranza di farli emergere.”Un pezzo impossibile, uno stress test”, che non convince nessuno dei giurati. E se Mika critica le stonature, Fedez, senza mezzi termini, accusa Morgan di non aver rispettato l’identità del suo gruppo. Si prosegue con l’attesissima performance della scozzesina swing Emma Morton. La over di Mika, sulle note di I can’t make you love me di Bonnie Raitt non trattiene le lacrime e viene ripresa da Morgan: “Se ti emozioni tu non emozioni il pubblico”. Il plurivincitore delle edizione passate rincarerà la dose nel corso dell’Xtra Factor accusandola di aver passato il turno con due lacrimucce, di parere contrario è Fedez secondo il quale Emma avrebbe le stesse doti canore di un ospite internazionale.

Introdotto Fedez, giudice in vena di metafore che lo paragona alla password del wi-fi del suo vicino di casa, “che quando la scopri non ne puoi più fare a meno”, Riccardo Schiara canta All of me di John Legend, senza nessun supporto coreografico. La sua performance piace anche se Mika gli consiglia di lavorare sulla “domanda di stile”, tormentone della serata su cui gioca soprattutto Morgan. Da John Legend all’italianissimo brano Splendido splendente di Donatella Rettore interpretato con la giusta dose di personalità dalla “svalvolata” Camilla. La Charlotte Gainsbourg della squadra di Vichy convince la giuria, nonostante Fedez l’avrebbe preferita un po’ più rock. La sfida va avanti volgendo lo sguardo al passato, all’eliminazione di Diluvio e a tutti gli eliminati di X Factor, è Morgan a voler offrire un tributo a tutti coloro che ci hanno provato e che ora “non ci sono più”. Sulle note di Come Undone dei Duran Duran sono I Komminuet a omaggiare i colleghi. A Lorenzo Fragola il compito di chiudere la seconda manche con Impossible di James Arthur. E se per Fedez, il giovane è “radioattivo”, per Mika non è ancora pronto seppur bravissismo.

Chiuso il televoto, l’atmosfera si surriscalda nell’attesa di sapere chi sfiderà i The Wise al ballottaggio. E’ Alessandro Cattelan con il suo impeccabile aplomb inglese a fare il nome dei Komminuet sotto lo sguardo attonito del loro giudice. Morgan perde la trebisonda e dichiara che quello che è successo “è tutto molto strano”. All’unanimità la giuria elimina i The Wise. Si conclude così questo secondo emozionante Live. La scia delle polemiche si infiamma all’Xtra Factor con una Mara Maionchi senza peli sulla lingua che spara a zero su tutti, e cerca di sedare le ire funeste di Morgan.

Il terzo Live di X Factor ti aspetta giovedì 6 novembre alle 21.10, sempre su Sky Uno. Trattenere l’entusiasmo sarà “come cercare di fermare un Frecciarossa mettendo un grissino sui binari", per dirla con Fedez, nell’attesa puoi rivivere giorno per giorno l’avventura delle nostre aspiranti popstar con X Factor Daily dal lunedì al venerdì e con X Factor Weekly, a partire dal 1° novembre alle 18.55, sempre e solo su Sky Uno.