di Linda Avolio


La terza stagione di Strike Back – Senza regole è giunta al cosiddetto giro di boa: il 3 novembre è andato infatti in onda il quinto dei dieci episodi di cui è composto questo capitolo della serie, e il 10 novembre sarà trasmesso il sesto, in cui ci sarà una vera e propria accelerata verso il gran finale.

Ma cos'è successo domenica scorsa? Il quinto episodio iniziava esattamente dov'era finito il quarto: con il corpo senza vita del maggiore Rachel Dalton, uccisa dalla terrorista dell'IRA Mairead McKenna. Ancora non si sa in che modo la donna e l'organizzazione criminale a cui appartiene siano affiliate al pericoloso e misterioso Al-Zuhari, ma i nostri eroi hanno intenzione di scoprirlo quanto prima, anche per onorare la memoria del loro ex comandante in capo.

Dopo aver rimpatriato la salma di Dalton, la Sezione 20 si mette sulle tracce di McKenna, che, scopriamo, si trova a Budapest. I nostri catturano uno dei suoi uomini e lo costringono a rivelare il luogo e l'ora del prossimo incontro tra l'IRA e Al-Quaeda. Riescono inoltre a recuperare una chiavetta usb che contiene un messaggio di Al-Zuhari che dice chiaramente che le due organizzazioni terroristiche stanno collaborando. Ma in vista di cosa? Qual è il loro obiettivo?

Nel frattempo, un'impiegata dell'ambasciata britannica a Budapest viene sedotta e uccisa da McKenna, tutto questo per poter fare una copia delle sue impronte digitali. Poco più tardi, ecco che il famoso incontro tra l'IRA e Al-Quaeda è in atto, ma viene bruscamente interrotto dall'arrivo di Stonebridge e Scott, che catturano Mairead e uccidono parecchi uomini della sua squadra. Altri, però, riescono a fuggire portando col loro delle armi consegnate da Al-Quaeda: a cosa serviranno?

Al quartiere generale di Budapest, la Sezione 20 sta per interrogare la terrorista, ma il consolato irlandese preme affinché la donna sia estradata. Locke e i suoi si recano dunque all'aereoporto internazionale della città per prendere il primo volo per Londra, ma i compagni d'armi di McKenna irrompono e liberano la loro leader, che prima di scappare si prende la briga di prendere in ostaggio Phillip.

Come se non bastasse, Michael inizia ad avere alcuni problemi alla vista. Qualche episodio prima, come ricorderanno i fan, è infatti stato esposto, anche se brevemente, a un'arma chimica: che le conseguenze dell'inalazione di quella misteriosa sostanza stiano iniziando ad avere i primi effetti?


L'appuntamento con il sesto episodio della terza stagione di Strike Back – Senza regole è per domenica 10 novembre alle 22:45 su Sky Uno HD.