di Linda Avolio


Continuano le avventure di Stonebridge e Scott – i protagonisti di Strike Back – Senza regole, in onda ogni domenica alle 22:45 su Sky Uno HD –, questa volta sulle tracce del pericoloso terrorista Al-Zuhari, che sembra avere complici sparsi in tutto il mondo.


Nello scorso episodio, il numero quattro, la Sezione 20 ha subito una grave perdita: quella del maggiore Rachel Dalton. Il quarto capitolo della terza stagione della serie si apre con il rapimento di Esther, la figlia di Leo Kamali da parte di Leatherby.
Locke, a quel punto, stringe un patto con l'uomo: i suoi ritroveranno sua figlia se lui, in cambio, riuscirà a trovare Dalton (sospesa dall'incarico), che è fuggita con Sophia. Il maggiore, infatti, è sul piede di guerra, e pur di fermare Al-Zuhari è disposta a tutto, anche a estorcere informazioni alla donna con la forza.

Stonebridge e Scott trovano Esther, che è tenuta nascosta in un edificio abbandonato a Beirut, ma non riescono a liberarla perché vengono attaccati da un commando di Hezbollah alleato di Leatherby.
I nostri, però, riescono a catturare il ragazzo dello scozzese, e lo ricattano per farsi dire l'indirizzo del posto in cui avrebbe dovuto condurre Sophia. Leatherby alla fine cede, ma in un momento di rabbia uccide il suo amato, e infine viene abbattuto da Mike e Damien. Esther, in compenso, è salva.

Dalton, intanto, sta interrogando Sophia con metodi decisamente poco convenzionali, ma la strategia funziona, perché la donna confessa di essere in realtà la moglie di Al-Zuhari.
Prima di riuscire a farsi dire altro, Rachel viene raggiunta da Kamali, che riesce a convincere il maggiore a essere lasciato solo con la donna per interrogarla. Leo, però, è un doppiogiochista nato, infatti libera Sophia, ma poi, stranamente, si unisce a Dalton per darle la caccia.

I due si dirigono nel posto in cui dovrebbe trovarsi la fuggitiva: Rachel corre verso l'appartamento in cui la donna ha un appuntamento con una misteriosa persona, mentre Leo rimane indietro. Gli altri della Sezione 20 si precipitano immediatamente sul posto, ma Dalton fa irruzione senza aspettarli, e davanti ai suoi occhi compare una donna che uccide la moglie di Al-Zuhari e si impossessa di una memory card nascosta nell'orologio della defunta.
Scopriamo che la misteriosa assassina è l'irlandese Mairead McKenna, e che è membro dell'IRA. Kamali e Dalton la inseguono, ma senza successo: lui viene ferito, mentre lei, purtroppo, soccombe per mano della terrorista. Bye bye Rhona Mitra.

Nel frattempo, la mafia russa invia degli uomini a Beirut per vendicare la morte di Viktor Ulyanov. Come se le cose non fossero già abbastanza complicate.


L’appuntamento con il quinto episodio della terza stagione di Strike Back – Senza regole è per domenica 3 novembre alle 22:45, come sempre su Sky Uno HD.