Più che un ristorante il Blau Cucina e Caffè è una “tavola calda”: è così che ama definirlo Diego Martone, il proprietario napoletano di questo locale che è convinto di aver portato a Barcellona “una nuova filosofia culinaria”. Ai suoi clienti propone piatti preparati con attenzione maniacale, accompagnati da una birra, magari da sorseggiare guardando una partita di calcio. La sua offerta culinaria si fonda sul mantra di “seguire lo stile spagnolo attraverso i piatti italiani” che vengono proposti in piccoli assaggi per permettere al cliente di sperimentare più specialità. Il Blau si trova nella zona del Ribera nella Ciutat Vella, proprio accanto al mercato di Santa Caterina con le sue ceramiche “multicolores”. Nella puntata in onda il 20 luglio, alle 21,15 su Sky Uno, di 4 Ristoranti è uno dei protagonisti: per l’occasione Diego vuole convincere Alessandro Borghese e gli altri concorrenti che il suo è il miglior ristorante di Tapas all’italiana di Barcellona.


Napoli, Genova e infine Barcellona

Diego nella sua vita ha viaggiato tanto. Nato a Napoli, è cresciuto a Genova per poi trasferirsi 13 anni fa a Barcellona. Da sette, invece, ha preso il via l’avventura del Blau, di cui è sinceramente entusiasta. Si definisce una persona pacifica, non estremamente competitiva ma che ci tiene a fare bella figura. Intorno e dentro al suo locale è nata una vera e propria famiglia che “ha fuso insieme differenti idee mischiando Nord e Sud, cercando di prendere il meglio da tutto”. Il suo staff, infatti, ha le origini più disparate, anche se rigorosamente italiane: “E' un vero e proprio esperimento sociale, Venezia, Perugia, Napoli, Torino, tutti insieme per offrire il meglio delle nostre esperienze al cliente”.


Piccoli assaggi per tapas all'italiana

Il locale alla sfida di 4 Ristoranti si trova nel quartiere de El Born ed è caratterizzato dall’accostamento di molti colori diversi che si riflettono nei tavoli, accompagnati da sedie bianche e azzurre. Per il pavimento, invece, Diego ha scelto una fantasia a quadri, che fa molto anni ’50, mentre alle pareti ci sono disegni e grandi lavagne, dove vengono scritti i piatti, che circondano anche i muri intorno al bancone. Il tema dell’ottava puntata sono le tapas all’italiana, che al Blau possono essere definite “alla napoletana e alla genovese” (la socia del proprietario è di origini liguri). Nel locale di Diego, da sempre, la tapa è concepita “para compartir (da condividere), per questo per i nostri clienti prepariamo piatti da stuzzicare”. Un’offerta che però non deve mai intaccare la qualità perché spesso gli italiani a Barcellona tendono a “dare ai catalani piatti che nemmeno gli italiani mangerebbero. Noi invece cerchiamo di offrigli ciò che ci piace, cerchiamo di educarli non di assecondarli”. Così negli anni il Blau è stato impostato non come il classico ristorante italiano con ricchi antipasti e piatti di pasta, ma appunto una tavola calda con l’obiettivo “di fare uscire i clienti dal locale avendo provato 2,3,5,6 cosette”.